HOME      

  P.O.F.    Area Famiglia    Area Primaria     Area Secondaria     Formazione      P.O.F.  

**********************************************************************************************

PARTENARIATO  GRUNDTVIG

Il Partenariato di Apprendimento Europeo Grundtvig "BACK TO TUE FUTURE"

Il progetto è promosso dal Programma Europeo di Apprendimento Permanente Grundtvig per l'Educazione degli Adulti. Si rivolge a studenti e persone coinvolte in ogni forma di istruzione degli adulti, nonché degli istituti e delle organizzazioni che sono preposti a questo tipo di istruzione o l’agevolano. L'obiettivo è migliorare e accrescere la conoscenza e la consapevolezza del mondo che ci circonda, attraverso lo scambio culturale tra i paesi partner del progetto e la scoperta delle loro ricchezze. I nostri partner vengono dall'Italia, Spagna, Portogallo, Germania, Romania e Ungheria. Gli strumenti di lavoro utilizzati dagli apprendenti in questo processo di scoperta sono: macchine fotografiche, videocamere, registrazioni musicali ecc. atti a presentare le informazioni sulle rispettive tradizioni culturali. Nello scambio e la condivisione delle informazioni, i partecipanti imparano a usare gli strumenti informatici per la presentazione dei materiali e sviluppano la loro capacità di comunicazione in lingua inglese. Gli incontri dei partner nei diversi paesi permette il contatto diretto e lo scambio tra gli apprendenti.

Per maggiori informazioni consultare il sito web:http://projectbttf.weebly.com

 

https://encrypted-tbn2.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcQ2xl_UV5zS931tax5576z9Di-BTBtJAEOzlL2Z0lcv_FCnwGopkwlogo_09

 

    1°meetingaTaranto.jpg           riunione1°meeting.jpg       

BudapestOffice.JPG     gruppoitalianoGyor.JPG   gruppocompletoGyor.JPG

IL PROGETTO Grundtvig "Back to the future"

Pirandello, scuola che guarda all'Europa

□ L'istituto Comprensivo "Luigi Pirandello" continua nella sua esperienza, oramai consolidata, di scambi e progetti culturali con L'Europa. In particolare, il progetto Grundtvig "Back to the future" che coinvolge sei Paesi europei, Portogallo (Matoshinos), Spagna (Barcellona), Italia (Taranto), Germania (Rostock), Romania (Buca­rest) e Ungheria (Budapest), si propone di costruire il futuro attra­verso la conoscenza del passato. Il progetto coinvolge gli allievi-adul­ti del Centro Territoriale "L. Pirandello" che frequentano i corsi for-mali (licenza media) e non formali nelle varie sedi. La valorizzazione delle tradizioni locali di ambito religioso, artigianale, culinario, mu­sicale di ciascun Paese serve a rafforzare l'identità nazionale e locale, ma anche a riconoscere una forte identità europea, per la costruzione di una comunità di popoli e persone, mediata attraverso l'uso un tem­po del latino e oggi dell'inglese, piuttosto che soltanto una comunità di mercati e banche. Forte e vivace la partecipazione a tutte le fasi del progetto che ha visto a Taranto a ottobre il primo incontro tra i re­ferenti di ogni Paese coordinati dalla dirigente scolastica Dolores Loiacono e dalla professoressa Angela Tripaldi, responsabile del pro­getto. Il secondo meeting si è svolto ad aprile a Budapest con la par­tecipazione degli studenti e il prossimo appuntamento è a giugno a Mutoshinos. Taranto e il quartiere Paolo VI sono sempre in prima linea per progetti di consolidamento e rafforzamento dell'identità locale in termini di solidarietà e coesione sociale.partenariato GRUNDTVIG

 

 

 

 

Matosinhos, Portogallo, 25-23.06.2013

La prima serata è stata forse la più attesa di tutto il meeting: la notte di  Sao João. Ma prima che ci incamminassimo per le strade di Matosinhos e colpissimo il capo di perfetti sconosciuti con un martello di plastica abbiamo assaporato la cena tradizionale a base di sare alla griglia e caldo verde. Dopo cena abbiamo cominciato la nostra lunga camminata lungo l’oceano. Alcuni di noi non avevano mai visto un oceano! Non dimenticheranno mai quest’esperienza.

Ogni gruppo ha lanciato la sua lanterna gigante sulla spiaggia e poi hanno continuato a passeggiare, a colpire o a ricevere colpi sulla testa e a sfregare il naso con il fiore dell’aglio. Che adorabile tradizione! La passeggiata è stata molto lunga, alcuni sono ritornati in albergo, altri hanno continuato instancabili e hanno pure ballato un po’ ad un concerto incontrato sulla strada per Porto.

Il mattino dopo tutti erano un po’ stanchi, ma ognuno hanno partecipato con piacere all’incontro con il dirigente della scuola ospitante e alle presentazioni dei lavori degli studenti. Non abbiamo dimenticato di gettare qualche monetina nella favolosa cascata di  S. João. Prima di pranzo abbiamo fatto un giro della scuola e visitato il loro museo.

Il pranzo tradizionale alla mensa della scuola è stato fantastico, in parte preparato dagli studenti. Dopo pranzo abbiamo ascoltato una cantante di fado, una studentessa della scuola molto di grande talento e abbiamo assistito a un’indimenticabile show del team portoghese (Graos de Bico singers, vedi video). E’ stato come vedere l’Oceano: chi l’ha visto non lo dimenticherà mai!

        Nel pomeriggio abbiamo partecipato a un bellissimo workshop: abbiamo imparato a dipingere un azulejo la tradizionale piastrella portoghese. Mentre i partecipanti lavoravano sodo dipingendo ognuno la propria mattonella, gli organizzato ri portoghesi sono stati intervistati da una TV locale. L’ultima sera abbiamo guardato l’intervista e ammirato le azulejos prodotte.
Il secondo giorno il gruppo ha fatto un tour  di Matosinhos e Porto su un autobus turistico. Quando siamo arrivati al centro di Porto, siamo passati su una barca e abbiamo ammirato il panorama della cittò anche dal Douro. Abbiamo pranzato vicino al fiume sulla ribeira de gaia, e visitato le cantine della Burmester prima di metterci di nuovo in viaggio sull’autobus per concludere il giro panoramico della città. La breve sossta alla spiaggia  Castelo do queijo è stata fantastica, ci siamo un po’ rinfrescati con la brezza dell’oceano dopo una caldissima giornata sull’autobus e in barca.

L’ultima sera abbiamo cenato a scuola. Abbiamo chiacchierato e ballato fino all’evento finale della festa di addio: gustare l’enorme e buonissima torta “Back to the future”.!

 

Rostock, Germany, 2013. 09. 18 – 20.

Tutti i partecipanti sono arrivati a Rostock nel tardo pomeriggio e si sono sistemati in un hotel molto carino nel centro storico di Rostock. Abbiamo fatto una breve passeggiata verso il ristorante vicino e avuto un primo assaggio della “Neue Markt”, la piazza del mercato dove era situato il ristorante. Che bello rincontrarsi e fare nuove conoscenze!

 La mattina successiva al Centro Cittadino per i Servizi Sociali il programma è cominciato con un breve gioco di icebreaking che è stato molto divertente anche se il clima non era per niente gelido! Dopo che i partecipanti hanno imparato i rispettivi nomi, ogni gruppo ha presentato il proprio lavoro sulle festività estive. Ci siamo resi conto ancora una volta di quanto abbiamo in comune, nonostante viviamo sparsi qua e là per l'Europa. Insieme alle somiglianze abbiamo anche notato le differenze che caratterizzano le nostre tradizioni, i nostri festival, nazionali e locali. Per pranzo abbiamo mangiato una tipica zuppa dell'Europa dell'est, la “Soljanka”, preparata dagli studenti tedeschi, poi ci siamo diretti verso il centro della città per un giro turistico, divisi in tre gruppi. Abbiamo ammirato i luoghi principali di Rostock e ci siamo rincontrati tutti al molo, dove abbiamo gustato una cena molto originale all'ultimo piano di una dock house ristrutturata, con una splendida vista sul fiume.

L'ultima giornata è cominciata con cinque workshop a scelta: ballo, canto, origami, cucina e fare amicizia in inglese. Dopo i laboratori, i diversi gruppi hanno mostrato agli altri il prodotto del loro lavoro durante i workshop. Ognuno ha dimostrato il proprio talento e alcuni hanno perfino scoperto un nuovo hobby. Infine abbiamo mangiato quello che il laboratorio di cucina aveva preparato per noi! E' stata una vera festa "Back to the future": ricette tedesche, chef internazionali.   

Nel pomeriggio abbiamo fatto un giro in barca verso la spiaggia di Warnemünde.  Abbiamo passeggiato per le viuzze e visitato il faro. Siamo tornati a Rostock per cena e per i saluti finali.

 

Arrivederci a Barcellona!

 

Viladecans, Spain, 19 – 21.3.2014

I diversi gruppi BTTF sono arrivati in momenti diversi, quindi abbiamo cominciato a scoprire Viladecans da sole. Il primo mistero da svelare è stato un meraviglioso odore di cioccolato che si sentiva per le strade della città. Sembrava quasi di essere in un paese delle fiabe. Non riuscivamo a capire da dove provenisse. Cercavamo caffetterie, bar, pasticcerie, ma abbiamo dovuto aspettare la cena per svelare l’arcano. C’è una fabbrica di cioccolato a Viladecans, che sparge per tutta la città il suo magnifico odore. E’ stato allora che molti si sono innamorati della città!

Il giorno dopo è iniziato con una visita al comune con il sindaco di Viladecans, dove i rappresentanti di ogni gruppo e il sindaco hanno fatto un breve discorso. Abbiamo tutti ricevuto una targa di benvenuto – rigorosamente di cioccolato! Prima di pranzo abbiamo fatto un breve giro turistico del centro storico e nel municipio.

Nel pomeriggio ogni gruppo ha presentato il lavoro sulle tradizioni famigliari e poi hanno sperimentato una tradizione locale: pitturare un ventaglio.

Prima di cena abbiamo cantato tutti insieme “Volare”, a volte stonando un po’, ma che divertimento! E’ stato registrato, quindi tutti potete vederlo!

Il giorno dopo abbiamo visitato Barcellona. Il giro turistico è cominciato al Palazzo della Musica, un’esperienza strabiliante per tutti. La passeggiata nel centro storico è culminata in spiaggia, dove abbiamo pranzato con vista sul mare. Dopo pranzo abbiamo continuato il giro panoramico e poi siamo tornati a Viladecans: era tempo ormai per la festa di addio.

Fra tutti i fantastici momenti, come quando la band della scuola ha suonato per noi, il più memorabile è stato rincontrare gli amici conosciuti nelle visite precedenti.

Grazie Viladecans, ci vediamo a Stei!

 

Stei 26-30.5.2014

Siamo arrivati a Stei dopo un lungo viaggio in autobus da Budapest in compagnia del gruppo ungherese, spagnolo e tedesco. Lì abbiamo trovato il team portoghese ad attenderci e abbiamo cenato al ristorante dell'albergo che ci ospitava.

Il giorno successive l'agenda era piena di incontri. Al mattino presto ci siamo recati nella scuola che ci ospitava e abbiamo incontrato il dirigente, il professor Cristian Andru, che ci ha dato un caloroso benvenuto e ci ha permesso di visitare la scuola. Successivamente, nel teatro della scuola abbiamo incontrato il sindaco della città, Matiuta Mircea e dopo il suo discorso di benvenuto e una breve introduzione sul progetto dalla coordinatrice rumena, la professoressa Alina Niculae, i coordinatori dei rispettivi paesi hanno parlato della loro esperienza in questo progetto. Dopo il coffe break, gli studenti hanno presentato alcuni tra i lavori migliori prodotti durante i due anni del progetto. Tra il pubblico c'erano molti insegnanti e studenti della scuola e un'emittente locale. Abbiamo gustato un lungo e rilassante pranzo in un ristorante vicino alla scuola e nel pomeriggio, mentre lo staff si riuniva per il consueto meeting dei coordinatori, gli studenti hanno visitato la caratteristica "House of bonus" e hanno girato un breve documentario sul progetto.

La sera ci è stato offerta una cena tradizionale rumena organizzata dalla scuola seguita dai balli tradizionali della Romania che hanno coinvolto tutti i partecipanti del progetto. Le danze sono finite molto tardi e tutti erano molto allegri e soddisfatti della prima giornata a Stei.

Il giorno seguente ci siamo recati nella vicina città di Beius e abbiamo visitato il suo Museo Etnografico e la fiera mensile. Dopo pranzo abbiamo visitato la "Grotta degli Orsi", situata tra le montagne Apuseni. La grotta deve il suo nome al fatto che nel 1983 sono stati scoperti lì 140 scheletri di orsi.

L'ultima cena è stata una grande sorpresa: eravamo gli special guests del ballo di fine anno della scuola. Tutti erano estremamente eleganti e la cena è stata eccellente insieme alla musica!Abbiamo ballato tutti insieme le hit di ogni paese e naturalmente ancora una volta abbiamo cantato tutti "Volare" e ballato fino a tardi.

Abbiamo fatto di tutto per non pensare che quella era la nostra ultima serata di addio!

 

Dove siamo

Via Pastore,snc - Q.re Paolo VI – 74123 TARANTO

Centralino: Tel Fax 099 4721184

Presidenza:: selezionare tasto 1

Segreteria::  selezionare il tasto 2

Email:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

PEC. : Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 
Go to top